Favela senza favole

 

Pur apprezzando gli sforzi che alcuni registi americani compiono per fare film che somiglino a quelli europei, ho sempre manifestato una certa idiosincrasia nei confronti del cinema delle sparatorie a stelle e strisce, dove i mostri sacri dello star system hollywoodiano si scontrano a suon di Uzi e 44 magnum oppure saltano da grattacieli, afferrano al volo elicotteri incendiati che li conducono su motoscafi impazziti, per giungere finalmente a disinnescare bombe atomiche che minacciano il pianeta. Non li sopporto! Nemmeno la denuncia sociale made in Usa mi convince; sempre troppo spiegata, priva di sfumature, razionale…

Mi chiedo se si possa fare un film che affronti simili tematiche (realtà urbane e umane terribili, degrado, ammazzamenti, droga) senza incappare nello scontato eroe dalla battuta facile o nella morale raccogliticcia di un finale ridondante di effetti speciali.

E una proposta mi arriva dall’America… latina. Precisamente dal Brasile. Geniale!

Il film si chiama City of God, regia di Fernando Meirelles e Katia Lund, ed è tratto dalla storia vera che Paulo Lins ha narrato nell’omonimo romanzo, pubblicato in Italia da Einaudi. In un volumone di 600 pagine lo scrittore brasiliano aveva descritto una delle favelas più violente tra quelle sorte nei pressi di Rio de Janeiro, Cidade de Deus per l’appunto. Essendo cresciuto lì, Lins disponeva del materiale necessario per quello che è già diventato un best seller in Brasile.

Con l’arrivo di Meirelles e del suo bellissimo film, la storia fa adesso il giro del mondo, portando sotto gli occhi di tutti un paese di cui si conoscono prevalentemente gli stereotipi, ma che è fatto anche di emarginati cronici, ragazzini che sniffano a dieci anni, quantità inimmaginabili di armi in circolazione a dettar legge, polizia corrotta e collusa con la malavita… Niente della “solarità” cui siamo abituati dalle agenzie di viaggio: non è un caso che la variopinta Rio de Janeiro, pur essendo a poche centinaia di metri dalla favela, in City of God si scorga soltanto in lontananza, come l’immagine di una cartolina!

Diviso in tre parti, ciascuna delle quali contiene decine di storie, il film è un continuo cambiamento di riprese, di colori, di emozioni: si parte dal seppia-sabbia che tinteggia la fine degli anni ’60, all’epoca della costruzione della favela e dei primi sintomi di devianza rappresentati dal “Trio tenerezza”, novelli Robin Hood dei poveri; poi si passa agli anni settanta, psichedelici e rabbiosi, dove sono arrivati soltanto i più violenti ( Pequeno) e i loro amici (Benè), a capo di feroci baby-gang, dominatori incontrastati del mercato della droga; fino ad arrivare all’inizio degli anni ’80, quando lo scontro tra bande per il dominio dei territori è diventato una vera e propria guerra e anche un “onesto” come Manè Galinha diventa uno spietato assassino per vendicarsi delle angherie subite.

A raccontare le cento storie è l’obiettivo di Buscapè, che all’inizio del film ha undici anni: prima è il suo semplice sguardo, poi una macchina fotografica implacabile e impietosa… Vivendo nella favela, la sua strada si incrocia costantemente con quella dei boss o dei “randagi” (i bambini abbandonati del Brasile). Seppure contornato e provocato dalla violenza, il ragazzo riuscirà a restare pulito. Forse anche per caso, ma più per una scelta personale che è quella di non cadere nella vendetta, nell’emulazione, nel mito dell’eroe negativo. Il vero, fondamentale messaggio del film è proprio questo: a meno che non sia tardi, perché troppo invischiati nelle trame della delinquenza, anche nelle favelas si può resistere alla tentazione di diventare un fuorilegge. L’amore per una donna, la vitalità, la creatività saranno motivo di speranza e di riscatto.

Tanto è vero che Buscapè sogna di diventare fotografo (come Lins voleva diventare scrittore) e ce la farà. Degli altri - inutile affezionarsi ai loro sorrisi, alla loro ironia, al modo di essere brasileiros -  non rimarrà che un amaro ricordo.

 

 

(21/5/03)© Paolo Izzo

 

Torna a Recensioni